Miglior aspirapolvere a vapore 2018

Cos’è un’aspirapolvere a vapore

Si tratta di una nuova tecnologia, che non è ancora saltata completamente alla ribalta, poiché in commercio c’è ancora parecchia confusione, data l’enorme mole di prodotti disponibili. Questo apparecchio, tuttavia, sta destando sempre più curiosità nei consumatori. La nostra guida cerca di far luce su ogni aspetto di questa aspirapolvere, che sia essa a traino, a bidone o normale scopa elettrica. Semplificare il suo funzionamento non è una cosa semplice, anche perché le tecnologie disponibili sono varie e differenti, possiamo però provare a tracciare una specie di identikit. Per molte persone però, il discorso è ancora piuttosto nebbioso, per cui, innanzitutto, vedremo cos’è e come si utilizza la scopa a vapore. La sua funzione è spiegata nel nome stesso “aspirapolvere a vapore“, in pratica si tratta di un normale aspirapolvere elettrico, che però utilizza l’acqua. In fin dei conti, non si può nemmeno parlare di una vera e propria scopa elettrica e nemmeno è possibile sostituire quest’ultima con un aspirapolvere a vapore, ma può servire per una pulizia più approfondita dei pavimenti. Infatti, dopo aver passato la normale scopa elettrica, è possibile passare questo aspirapolvere, per una pulizia migliore e un’igiene più approfondita.

PRODOTTO Volume Wattaggio VALUTAZIONE VEDERE IL PRODOTTO
1,3 l 2200 W VEDI PREZZI
1,3 l 2200 W VEDI PREZZI
0,8 l 2200 W VEDI PREZZI
0,7 l 2440 W VEDI PREZZI
1,2 l 2300 W VEDI PREZZI
1,3 l 2450 W VEDI PREZZI

Come funziona l’aspirapolvere a vapore

Innanzitutto, è necessario ricordare che a seconda del modello scelto, un aspirapolvere a vapore può essere più o meno versatile, anche in base alla propria dotazione di accessori. Prima di vedere tutto questo nel dettaglio però, vorrei far comprendere appieno l’utilizzo di questo elettrodomestico. In pratica, la forza del vapore, attraverso un procedimento che effettua una specie di forza elettrostatica, riesce a catturare tutta la sporcizia su un panno montato alla base dell’aspirapolvere. Per fare ancora più chiarezza, ho cercato di schematizzare il suo funzionamento in questi 3 semplici passaggi:

  • Acqua, con la quale è possibile, per così dire, “ammorbidire” lo sporco per una più rapida rimozione.
  • Temperatura, con la quale si riesce a “sciogliere” lo sporco e ad uccidere germi e batteri.
  • Pressione, grazie alla quale è possibile staccare lo sporco da qualsiasi pavimenti, che viene poi raccolto sul panno.

Chi desidera dunque, procedere alla pulizia del pavimento con una sola passata di scopa, può affidarsi a questo tipo di elettrodomestico, che con una sola passala, spazza, lava ed igienizza. In pratica è l’accessorio ideale per tutte quelle casalinghe che non hanno tempo da perdere.

Cosa si può fare con un’aspirapolvere a vapore

aspirapolvere a vaporeCome già accennato nel paragrafo precedente, il maggior punto di forza di questo apparecchio, risiede nella sua versatilità. Questa scopa a vapore, infatti, non è la classica scopa elettrica, ma a seconda del modello scelto, è possibile eseguire tutta una serie di interventi, che con altri apparecchi non è possibile fare. Si tratta di uno strumento che non va confuso ne con la normale scopa elettrica, ma nemmeno con l’aspirapolvere ad acqua, che è tutta un’altra cosa. Per questo motivo, ci siamo sentiti in dovere di elencare tutti i lavori possibili che si possono svolgere con questo elettrodomestico. Con un’aspirapolvere a vapore è possibile lavare: vetri, pavimenti, piastrelle, specchi, sanitari, fornelli, divani, materassi, imbottiti, divani, moquette, tappeti, mobili da giardino, forno, caloriferi, serramenti, ed anche procedere con lo sbrinamento del freezer, la pulizia dell’oro, rinfrescare le piante, sturare il lavandino, sgrassare i cerchioni e pulire all’interno di un’automobile. Chiaramente, questo elenco comprende tutte le cose possibili che si possono fare con un’aspirapolvere a vapore al massimo del suo potenziale, quindi disponendo di tutti gli accessori possibili ed immaginabili, cose che non è possibile fare con un prodotto di fascia medio-bassa.

Acari ed aspirapolvere a vapore

Ci sono molti motivi per i quali una persona si dovrebbe interessare all’acquisto di un aspirapolvere a vapore, uno di questi, è senza ombra di dubbio, la sua capacità di averla vinta sugli odiati acari della polvere, che sono una vera e propria croce per i soggetti allergici e non solo. Gli acari, come dovreste già sapere, possono causare ogni tipo d’intolleranza, obbligando a chi soffre di allergie, a difficili convivenze, soprattutto a letto! Per combattere gli acari, fortunatamente, oggi si trovano in commercio molte soluzioni, tuttavia, non sono sempre tutte cosi immediati e semplici da attuare. Non è cosa semplice però, generalizzare anche in questo caso, ma è provato che contro la lotta ad allergeni ed acari, la scopa a vapore può fornire un valido aiuto. Questo perché, grazie alla forza del vapore e soprattutto del calore generato, è possibile avere la meglio sul 90% o più degli acari esistenti. Probabilmente, con nessun messo al mondo è possibile avere la meglio al 100% di questi allergeni, per cui, in questo caso la percentuale ci sembra molto alta e può davvero aiutare i soggetti allergici o evitare che persone sane lo possano diventare.

Differenze tra scopa elettrica e a vapore

Nonostante le campagne pubblicitarie ed i siti di informazione, sono ancora molti gli utenti che confondono la scopa elettrica con quella a vapore. Per cui, una volta per tutte, cerchiamo di fare un po’ di chiarezza, con la speranza di aiutare coloro che si trovano in difficoltà nello scegliere il migliore aspirapolvere a vapore per le proprie esigenze. Sono ancora tante che confondono il funzionamento di una scopa elettrica con una a vapore, tuttavia, i due elettrodomestici sono completamente differenti. La scopa elettrica, ha uno scopo differente da quella a vapore. La scopa elettrica, infatti, funziona proprio come un vero e proprio aspirapolvere, per cui, si tratta di un apparecchio in grado di rimuovere lo sporco, solo grazie alla sua “forza aspirante”. L’aspirapolvere a vapore, invece, non risucchia proprio niente, per cui non serve a nulla passarla prima della scopa elettrica, perché il suo scopo è quello di lavare i pavimenti, non spazzarli. È come se voi passaste lo strofinaccio bagnato per lavare il pavimenti, prima di aver spazzato con scopa e paletta, ovviamente non si fa così. La scopa a vapore quindi, lava i pavimenti che sono stati già puliti e spazzati, con la scopa elettrica o il metodo tradizionale: scopa + paletta. Con l’aspirapolvere a vapore dunque, si: igienizzano e lavano i pavimenti, NON si spazzano.