Miglior aspirapolvere portatile 2018

Che cos’è

L’aspirapolvere portatile è un piccolo elettrodomestico, potente e pratico, con il quale è possibile aspirare velocemente la polvere e lo sporco da qualsiasi superficie. Oggi come oggi, se ne trovano tantissimi modelli sul mercato e scegliere quello più adatto alle proprie esigenze, può rivelarsi un’impresa più difficile del previsto. Per questo motivo abbiamo creato una guida, che possa aiutarti ad individuare il mini aspirapolvere più adatto per te e capire quali sono i modelli migliori attualmente disponibili. Questo piccolo elettrodomestico, è entrato sempre in più case degli italiani negli ultimi anni, perché incredibilmente pratico e maneggevole. È l’ideale per aspirare la polvere dagli angoli più angusti della casa o dai divani, ma anche per rimuovere le briciole dal tavolo dopo un veloce spuntino, o per tenere in ordine la propria auto, senza essere costretti ogni volta a passare dall’autolavaggio. Insomma, è un apparecchio che ben si adatta a molteplici situazioni e il più delle volte, consente di risparmiare tempo e denaro. Ma prima di decidere quale scegliere, è necessario capirne il funzionamento, per fare ciò, non ti resta che proseguire nella lettura!

PRODOTTO Rumorosità Wattaggio VALUTAZIONE VEDERE IL PRODOTTO
86,0 dB 350 W VEDI PREZZI
75,0 dB 18,0 W VEDI PREZZI
75,0 dB 9,6 W VEDI PREZZI
80,0 dB 7,2 W VEDI PREZZI
70, 0 dB 7,5 W VEDI PREZZI
70, 0 dB 6,0 W VEDI PREZZI
70, 0 dB 5,0 W VEDI PREZZI
40,0 dB 5,0 W VEDI PREZZI
70, 0 dB 5,0 W VEDI PREZZI
76,0 dB 22,0 W VEDI PREZZI

Come funziona l’aspirapolvere portatile

I mini aspirapolvere, si distinguono da quelli tradizionali, aspirapolvere a traino o tradizionale, con o senza sacco, per peso e dimensioni. Rispetto a questi, infatti, sono molto più piccoli e leggeri, cosicché sia possibile trasportarli in giro per casa e poter essere utilizzati un po’ ovunque ce n’è bisogno, specialmente dove non è possibile arrivare con le tradizionali scope elettriche. Ovviamente, tutto questo, fa da contraltare alla minor potenza di questi piccoli elettrodomestici. L’aspirapolvere portatile, infatti, non è adatto alla pulizia di grandi superfici, ma servono principalmente per rimuovere quantità di polvere e sporco ridotte, ed essendo essenzialmente senza filo, ma alimentati a batterie, possono arrivare dappertutto. Sempre più spesso, gli utenti li utilizzano per ripulire gli interni della propria automobile e rimuovere, per esempio, peli degli amici a quattro zampe, che cadono un po’ ovunque. Possono essere utilizzati anche in cucina, per rimuovere le briciole, tuttavia, non vanno confusi con gli aspirabriciole, che sono leggermente differenti, soprattutto nel design del bocchettone di aspirazione, più ampio in questi ultimi, per consentire all’apparecchio di sollevare senza difficoltà anche le briciole più grosse.

Come scegliere un mini aspirapolvere

aspirapolvere portatileL’aspirapolvere portatile risponde ad esigenze piuttosto specifiche. Sul mercato è possibile trovare apparecchi molto versatili, che possono essere utili per svolgere diverse tipologie di lavoro, ma anche altri pensati per specifiche circostanze. Per questo, la scelta del miglior mini aspirapolvere, non può che prescindere dalle proprie esigenze e dal tipo di utilizzo che se ne intende fare. Quelli di seguito, sono i fattori da prendere in considerazione, prima di acquistare un qualsiasi aspirapolvere portatile:

  • Potenza. A seconda del tipo di utilizzo che ne farai, avrai bisogno di più o meno potenza. Se hai bisogno di questo apparecchio, solo per aspirare qualche briciola dopo pranzo, allora andrà bene un modello dalla potenza media, ma se vuoi rimuovere davvero lo sporco dai tappetini dell’auto, allora sarà necessario un apparecchio molto più potente.
  • Alimentazione. Come già saprai, in commercio è possibile trovare modelli con e senza cavo. Con i primi abbiamo il vantaggio di non avere problemi di autonomia e in genere, sono anche più potenti. Ovviamente, lo svantaggio sta proprio nel fatto di essere vincolati alla presa della corrente (e di conseguenza anche alla lunghezza del cavo di alimentazione). Nel caso dei modelli senza fili, invece, è esattamente tutto il contrario. Portata illimitata, che consente di andare ovunque, ma potenza e autonomia limitata.
  • Tecnologia. I modelli più vecchi, dispongono ancora del sacchetto, che va sostituito regolarmente per evitare di perdere potenza o creare problemi all’apparecchio. Altri invece, più moderni, sono dotati di serbatoio per la raccolta della polvere, ed alcuni anche della innovativa tecnologia ciclonica, proprio come nei normali aspirapolvere da casa.
  • Capacità. Se decidi di acquistare un aspirapolvere portatile con vano raccogli polvere, considera anche la sua capacità. Un buon compromesso lo si trova nei modelli con una capacità di 500 ml.
  • Accessori. Spesso dimenticati, questi possono fare la differenza tra un modello di fascia media e alta. Se dotato di pochi accessori, l’apparecchio risulta meno completo e versatile, ma anche più economico, se invece, è dotato di molti accessori per la pulizia, le cose si invertono in modo proporzionale, più versatilità e costo maggiore.

Perché acquistare un aspirapolvere portatile

Come visto in precedenza, un mini aspirapolvere è un elettrodomestico dalle dimensioni compatte e particolarmente leggero e maneggevole, progettato per essere sempre disponibile e a portata di mano, in modo da essere “sfoderato” in qualsiasi occasione. Se stai cercando un apparecchio da tenere sempre in cucina, con il quale puoi aspirare velocemente le briciole dal tavolo o i peli che il tuo amico a quattro zampe lascia sul divano, allora questo è proprio ciò che fa al caso tuo. A differenza di una scopa elettrica tradizionale, a traino o no, questo è molto meno ingombrante e pesante, e consente di rimuovere in modo efficace e rapido, piccole quantità di polvere o briciole, da qualsivoglia superficie. Di contro, è meno potente, ma questa non è uno dei suoi punti di forza, com’è facile immaginare.

Manutenzione

mini aspirapolvereProprio come per un normale aspirapolvere, anche quelli portatili necessitano di una manutenzione periodica. Per far durare il più a lungo possibile questo piccolo elettrodomestico, è necessario procedere di tanto in tanto, alla pulizia delle sue parti. Generalmente, si tratta di un apparecchio facile da smontare e rimontare, proprio per agevolare le operazioni di pulizia. Il serbatoio va pulito ogni volta che lo utilizziamo, per evitare l’accumulo di sporco e polvere al suo interno. Inoltre, se troppo intasato, può incidere sulla capacità aspirante dell’apparecchio. La maggior parte di questi aspirapolvere poi, sono dotati anche di un filtro per l’aria, solitamente un filtro Hepa, che è in grado di trattenere anche le particelle di polvere più piccole. Questo evita che la polvere aspirata, venga rimessa in circolo assieme all’aria espulsa dal piccolo aspirapolvere. Ovviamente, anche il filtro va lavato o sostituito periodicamente, a seconda delle indicazioni del produttore.