Miglior aspirapolvere 2018

A cosa serve l’aspirapolvere

Ogni giorno c’è da affrontare un duro lavoro in casa: le pulizie. Ci sono moltissimi impegni che bisogna affrontare ogni giorno per mantenere l’ambiente di casa bello e confortevole, sia per noi che per la nostra famiglia, ma anche per gli ospiti. Aspirare la polvere è proprio uno di questi tanti impegni. L’aspirapolvere serve proprio per rimuovere lo sporco da terra e tu sai bene che un pavimento pulito è il biglietto da visita migliore per chiunque entri in casa tua. È necessario dunque, pulire i pavimenti regolarmente! Il modo più semplice e veloce per farlo, è attraverso l’utilizzo del miglior aspirapolvere, che poi non è altro che quello più adatto alle tue esigenze. Tuttavia, in commercio ce ne sono così tanti, che sceglierlo è più difficile di quanto si possa immaginare. Meglio un aspirapolvere con sacco o senza? Aspirapolvere professionale o di fascia media? Meglio un modello potente e rumoroso o un aspirapolvere silenzioso e meno potente? Rispondendo a tutte queste domande, sarai in grado di scegliere il miglior aspirapolvere sul mercato, fatto apposta per te. Prima di scegliere però, è necessario capire il modo in cui lo utilizzerai, per quali pavimenti, con quale frequenza ed una serie di altre informazioni, che ti permetteranno di fare la giusta scelta.

PRODOTTO Rumorosità Wattaggio VALUTAZIONE VEDERE IL PRODOTTO
75 dB 1300 W VEDI PREZZI
68 dB 750 W VEDI PREZZI
77 dB 750 W VEDI PREZZI
75 dB 1000 W VEDI PREZZI
75 dB 1000 W VEDI PREZZI
77 dB 950 W VEDI PREZZI
79 dB 750 W VEDI PREZZI
84 dB 800 W VEDI PREZZI
79 dB 600 W VEDI PREZZI
79 dB 1400 W VEDI PREZZI

Informazioni generali sull’aspirapolvere

L’aspirapolvere è l’apparecchio che spaventa il gatto, viene inseguito dal cane e, forse, dà alla casa un aspetto più pulito in maniera immediata. Immaginare una casa senza un aspirapolvere è quasi impossibile; tuttavia, come molti dispositivi che servono per risparmiare tempo e fatica, il suo uso ha meno di un secolo. Fino al 1840 non esisteva un aspirapolvere per tappeti o moquette. Prima di allora, la pulizia dei tappeti era il compito delle domestiche dei ricchi e delle donne della famiglia per tutti gli altri. La maggior parte dei tappeti erano fatti di stracci, che venivano tessuti insieme o intrecciati in lunghe corde che venivano poi uniti insieme come rivestimenti per pavimenti.

I tappeti erano tessuti con materiali più fini. I piccoli tappeti venivano portati fuori più volte l’anno, appesi a pesanti corde per vestiti, e percossi con battitori a forma di ventaglio per scacciare la polvere. I tappeti più grandi venivano lasciati sul posto e spazzolati; le tende venivano pulite sempre battendo e spazzolando. Quando i tappeti dovevano essere puliti puliti, era necessario spostare mobili e molti ornamenti, che caratterizzavano il pignolo stile vittoriano: un processo che richiedeva tempo e inefficienza. Peggio ancora, la polvere battuta o spazzolata via, si riposizionava rapidamente sui pavimenti e sui mobili. Questo, ovviamente, a discapito di una reale pulizia della casa. La soluzione di questo ingrato compito, era ancora lontana nel tempo.

Gli antenati dell’aspirapolvere

L’aspirapolvere ha avuto tre importanti antenati, il primo dei quali è stata la spazzatrice stradale. Le strade pubbliche raccoglievano gran parte dei rifiuti delle case private ed erano sporche. Joseph Whitworth, un intraprendente gentiluomo inglese degli anni ’40 del XIX secolo, montò grandi spazzole a grana grossa su un tamburo rotante all’interno di un furgone trainato da cavalli. Le spazzole rotanti raccolgono la sporcizia della strada e la depositano nel furgone. La spazzatrice domestica fu inventata nel 1858 da H. H. Herrick, ma la sua complessità e inefficienza ne limitarono il successo. Finalmente, nel 1876, Melville Reuben Bissell, proprietaria di un negozio di porcellane a Grand Rapids, in Michigan, inventò la prima spazzatrice popolare e di successo mettendo le spazzole rotanti in un piccolo contenitore con una maniglia per la spinta. L’invenzione di Bissell fu stimolata dal suo stesso bisogno: ovvero i frammenti di paglia da imballaggio che erano incastrati nel suo tappeto. La spazzatrice Bissell raccoglieva sia la paglia che la polvere, e li teneva nel contenitore per il successivo smaltimento. Bissell ha chiamato il suo primo modello “Grand Rapids” come la sua città natale. Rivoluzionando la pulizia dei tappeti.

i migliori aspirapolvereDall’altra parte dell’Atlantico, una compagnia britannica chiamata Ewbank dominava il mercato. Nel 1880, le spazzatrici Ewbank si trovavano già in molte case, inclusi i palazzi della famiglia reale britannica. I modelli erano disponibili in diverse dimensioni; con Miniatures per le donne, il modello Standard e un aspiratutto professionale più grande che vantava “più potenza per i tappeti più spessi”. La spazzatrice era un elettrodomestico molto diffuso negli anni ’30; le sue parti interne erano di alluminio fuso, rendendole leggere e facili da usare. Sfortunatamente, le spazzatrici non avevano la funzione di aspirazione. Erano efficaci fino a un certo punto, ma non riuscivano a estrarre polvere e sporco da tappeti e moquette. L’inventore Hubert Cecil Booth vide una dimostrazione a Londra di una macchina americana che soffiava aria compressa sulla moquette; questa produsse una nuvola di polvere (provando quanto fosse rimasto intrappolato nel tappeto), e che la stessa polvere si è depositata di nuovo sul tappeto. Gli americani avevano anche sperimentato dispositivi di aspirazione dal 1859 in poi, ma solo pochi raggiunsero il mercato.

Booth diede l’input alla creazione dell’aspirapolvere elettrico. Il suo primo aspirapolvere, chiamato “Puffin Billy”, disponeva di una pompa a pistone. Non conteneva alcuna spazzola; tutta la pulizia veniva effettuata tramite tubi lunghi con ugelli alle estremità. Era una macchina grande, montata su un furgone trainato da cavalli che veniva trascinato per le strade. I furgoni della British Vacuum Cleaning Company (BVCC) erano di colore rosso vivo; gli operatori in uniforme tiravano fuori l’aspirapolvere dal furgone e lo facevano passare attraverso le finestre di un edificio per raggiungere tutte le stanze all’interno. Booth ricevette mnolte lamentele per il rumore delle sue macchine e fu persino multato per aver spaventato i cavalli. L’impegno più prestigioso della BVCC è stato la pulizia dei tappeti nell’Abbazia di Westminster a Londra prima dell’incoronazione del 1901 di re Edoardo VII e della regina Alexandra.

Che cos’è

L’aspirapolvere è un apparecchio meccanico, che per rimuovere polvere e sporcizia dai nostri pavimenti, utilizza una corrente d’aria, generata da un motore più o meno potente. Si tratta di uno strumento molto utile per rimuovere lo sporco dalle superfici più difficili, con cui non bastano spazzole e panni vari, come tappezzeria e tappeti. Il suo funzionamento è molto semplice: generalmente ogni aspirapolvere è azionato mediante un pulsante di accensione, questo mette in moto il motore, che crea una corrente d’aria per aspirare sporco e particelle di polvere. La scopa, che si trova alla sua estremità, presenta un foro più o meno largo nella parte inferiore, in cui la corrente d’aria risucchia tutto lo sporco. Quest’ultimo, attraversando tubi e filtri, finisce in un sacchetto di carta o in un vano di raccolta, mentre l’aria, viene rimessa in circolo nell’ambiente, mediante delle prese d’aria. Se si avverte una certa puzza nell’aria espulsa, significa che qualcosa non va e che il sacchetto potrebbe essere pieno o il filtro troppo sporco. Per consentire di avere in circolo un’aria più profumata, alcuni aspirapolvere con sacco e non, utilizzando delle piastrine profumate. In commercio, si trovano sia modelli di aspirapolvere professionale a corrente elettrica, che a batteria.

Come funziona l’aspirapolvere L’umile aspirapolvere è uno degli elettrodomestici per la pulizia della casa più utilizzati. Il suo design è semplice, ma efficace, ed ha eliminato la necessità di dover eliminare a mano polvere e altre piccole particelle di sporco, dalle superfici e trasformare la pulizia della casa in un lavoro più efficiente e abbastanza rapido. Usando nient’altro che l’aspirazione, il miglior aspirapolvere allontana lo sporco e lo immagazzina per lo smaltimento. Il modo più semplice per spiegare come le migliori aspirapolveri possano aspirare i detriti è pensarli come le cannucce. Quando si beve un sorso di una bevanda attraverso una cannuccia, l’azione di suzione crea una pressione negativa all’interno della cannuccia: una pressione inferiore a quella dell’atmosfera circostante. Proprio come nei film spaziali, in cui una breccia nello scafo della nave spaziale risucchia le persone nello spazio, un aspirapolvere crea una pressione negativa all’interno, azionando un flusso d’aria.

Come scegliere il miglior aspirapolvere

aspirapolvereLo sappiamo tutti che stare dietro a sporco e polvere in casa è una vera e propria faticaccia. Per questo motivo, è molto importante scegliere l’apparecchio più adatto alle proprie esigenze, con il quale sia possibile avere la meglio sulle faccende di casa, in poco tempo e in maniera efficace. Ma come si sceglie un aspirapolvere? Innanzitutto, ti devi chiedere per cosa verrà utilizzato.

  • Caso numero uno: pulizia solo dei pavimenti. Per pulire pavimenti o piastrelle, è ideale un buon aspirapolvere a traino, che dispone di una potenza elevata. Questi modelli, dispongono di accessori che consentono all’operatore di arrivare un po’ ovunque, anche nelle zone più difficili da raggiungere con la normale scopa. Se preferisci un modello convenzionale, invece, di quelli verticali, allora assicurati che la spazzola posta sotto la scopa, possa essere fermata, per utilizzare soltanto l’aspirazione. Questa, infatti, in alcuni casi sparge la polvere e può graffiare alcuni tipi di pavimenti.
  • Caso numero due: hai molti tappeti in casa. Anche in questo caso, la potenza maggiore di un aspirapolvere a traino, la fa da padrona, soprattutto se dotato di testina motorizzata. Ovviamente, se la tua casa ha una metratura “importante”, allora un aspirapolvere verticale potrebbe essere più semplice da utilizzare. Per avere la meglio sui tappeti, assicurati che l’aspirapolvere abbia la possibilità di scegliere l’altezza di aspirazione, in questo modo, la scopa potrà adattarsi meglio alle varie altezze dei tappeti. Il miglior aspirapolvere che abbia mai visto in vita mia, aveva anche dei sensori per la polvere, con cui non si perdeva nemmeno un granello!
  • Caso numero tre: in casa ci sono delle scale. A questo punto, la scelta più saggia è quella di acquistare un aspirapolvere verticale, ultra leggero. Più scale hai e più fatica dovrai fare per pulirle, almeno cerca di avere uno strumento leggero e facile da maneggiare. Quelli a traino, in questo caso, sono assolutamente sconsigliati.
  • Caso numero quattro: pavimenti di diverso tipo. Se in casa non disponi soltanto di pavimenti in piastrelle, ma sono presenti anche parquet, moquette o altro ancora, allora avrai bisogno di un aspirapolvere con selettore di potenza e che disponga degli accessori più adatti alle tue esigenze. I parquet, ad esempio, sono pavimenti molto delicati e passarci sopra con una scopa elettrica con rotelle, li graffierebbe in men che non si dica!
  • Caso numero cinque: in casa ci sono soggetti allergici: Va bene qualsiasi tipo di aspirapolvere, purché disponga di un ottimo filtro Hepa. Attenzione, non tutti i filtri Hepa sono uguali. Quelli migliori, riescono a trattenere anche le più minuscole particelle di polvere, per cui, assicuratevi di utilizzare solo quelli di alto livello.
  • Caso numero sei: vuoi pulire velocemente e a qualsiasi ora. Allora dovrai optare per un aspirapolvere silenzioso, ma potente, magari senza filo. Il punto debole è rappresentato dalle batterie, che nei modelli di fascia medio bassa non offrono prestazioni adeguate. Ma se si acquista un ottimo aspirapolvere, con una buona batteria, allora può diventare davvero utile.
  • Caso numero sette: odi passare l’aspirapolvere. In questo caso, l’unica soluzione è un robot aspirapolvere, che fa tutto il lavoro al posto tuo, anche quando non sei in casa. Assicurati che abbia la stazione di ricarica automatica, a cui torna automaticamente da solo quando è scarico. Meglio ancora, se dopo la ricarica il piccolo robot riprende il lavoro da dove era stato interrotto!

Tipologie di aspirapolvere

miglior aspirapolverePrima di acquistare un qualsiasi aspirapolvere offerta, devi valutare le varie tipologie disponibili in commercio. Nel paragrafo precedente, abbiamo visto come ogni tipologia di apparecchio, sia adatta ad uno o all’altro scopo. Il miglior aspirapolvere in generale non esiste, esiste soltanto quello più adatto alle tue esigenze. Quindi, vediamo in base alle tue necessità, quali sono i vantaggi e gli svantaggi rappresentati da ogni tipologia di apparecchio.

  • Aspirapolvere verticale: si tratta del modello di scopa elettrica più diffuso al mondo e quello più tradizionale. Di solito, è quello che costa di meno, e questo è già un vantaggio per parecchie persone. Altro vantaggio, è quello che si adattano alla maggior parte delle pulizie, anche dei tappeti, se è possibile regolare l’altezza della scopa. Inoltre, sono quelli più facili da maneggiare, leggeri in molti casi e una volta spenti, più facili da nascondere in casa. I contro sono molto semplici, innanzitutto, se hai delle scale e il prodotto è pesante, doversi portare tutto dietro non è semplice. Quelli più potenti possono arrivare a pesare anche 10 kg! Inoltre, in generale, l’aspirapolvere verticale è più rumoroso del modello a traino.
  • Aspirapolvere a traino con bidone: i modelli migliori, sono in grado di pulire i tappeti come quelli verticali, se non di più. Sono l’ideale per chi in casa ha animali domestici, ma che desidera anche pulire tappezzerie, tendaggi e sotto ai mobili più bassi. Sono più silenziosi dei modelli verticali e sulle scale, se il tubo è abbastanza lungo, non ci si deve portare dietro tutto l’ambaradan. Tra gli svantaggi, ricordiamo che i modelli a traino, proprio per la presenza del bidone raccogli polvere, sono più pesanti ed ingombranti.
  • Aspirapolvere multifunzione: si tratta di elettrodomestici molto convenienti, tuttavia, sono anche piuttosto costosi e spesso, l’installazione di questi apparecchi, richiede l’intervento di un professionista, il che fa alzare ulteriormente i costi. Sono certamente più semplici da utilizzare rispetto ai normali aspirapolvere a traino, e sono anche più silenziosi, inoltre, non devono essere svuotati di frequente. Di contro, abbiamo dei costi elevati ed un tubo lungo, ma piuttosto ingombrante.
  • Aspirapolvere portatile: se in un grande magazzino trovate un aspirapolvere offerta, molto probabilmente sarà un aspirapolvere portatile. Ormai questi apparecchi sono diventati molto comuni. La loro utilità è indiscutibile, sono piccoli, leggeri e maneggevoli. Possono avere la meglio delle briciole sparse sul tavolo o della polvere sulla tappezzeria dell’auto. Se si sceglie un modello a corrente però, si è legati alla vicinanza di una presa elettrica e dalla lunghezza del cavo. Se si sceglie un modello a batteria, invece, si ha un apparecchio meno potente, anche se più versatile.
  • Aspirapolvere robot: si tratta dell’ultimo ritrovato in termini di tecnologia applicata alla pulizia di casa. I modelli più avanzati possono pulire tutta casa in completa autonomia, senza lasciare incustodito alcun angolino. Di contro però, sono molto più costosi di una scopa elettrica, soprattutto se si scelgono modelli professionali, comunque indispensabili se si vogliono ottenere dei risultati soddisfacenti. Se si sceglie un modello di fascia medio bassa, invece, il suo livello di pulizia non è ancora paragonabile a quello di una normale scopa elettrica.

Perché un’aspirapolvere senza sacco è migliore?

Nel 1979 è stato James Dyson a presentare il suo primo aspirapolvere senza sacchetto. Da allora, la diffusione di questo elettrodomestico è stata capillare. Molti sono certi che siano migliori di quelli con sacchetto, perché presentano diversi benefici, vediamo insieme quali:

Meno perdita di potenza: quando si usano gli aspirapolvere in offerta con sacchetto, ci si rende subito conto che all’aumentare della polvere nel sacchetto, diminuisce anche la potenza di aspirazione. Succede anche se acquisto un potente aspirapolvere 2000w! Con un aspirapolvere silenzioso e potente senza sacco, questo non accade. Innanzitutto, perché il contenitore è trasparente ed è molto probabile che lo svuotiamo spesso e volentieri e poi perché anche quando è completamente pieno, non perde tantissima potenza.

Amico dell’ambiente: un aspirapolvere 2000 watt con sacchetto è meno eco-friendly di un’aspirapolvere senza sacchetto. Ogni volta che dovete acquistare il sacchetto andate al negozio o lo ordinate online (inquinamento per il trasporto). Ogni sacchetto usa e getta finisce in una discarica (spazzatura). Con un aspirapolvere senza sacco, tutto questo non è un problema!

La soddisfazione di vedere lo sporco: può sembrare un aspetto secondario, ma vuoi mettere la soddisfazione di vedere tutta la polvere che hai raccolto dopo ore di fatica a passare l’aspirapolvere senza sacco confronto aspirapolvere con sacco, dove non si vede niente?

Facile da svuotare: un aspirapolvere expert senza sacchetto è anche facile da svuotare. Solitamente, basta premere un pulsante e il contenitore della polvere si stacca dal suo alloggiamento. Si abbassa nella spazzatura e si apre il coperchio. Dopodiché, si rimette al suo posto. Veloce e facile! Certo, tutto questo è possibile anche col sacchetto. Ma avete mai cambiato un sacchetto pieno? Innanzitutto la polvere finisce dappertutto quando si stacca un sacchetto pieno, cosa inconveniente per chi soffre di allergie. Il tubo a cui va connesso il sacchetto nuovo, inoltre, resta sporco e va pulito ogni volta.

Niente perdita di tempo: stai utilizzando l’aspirapolvere tappeti. Inizia il tuo lavoro, sei già stanca e a un certo punto ti rendi conto di dover cambiare il sacchetto. Lo cerchi dappertutto, niente. Devi uscire a comprarli. Che noia! Se avessi avuto un expert aspirapolvere senza sacco, non avresti perso tempo. Vedi quanti benefici ti offre?

Consigli d’uso dell’aspirapolvere: cosa non fare

  1. Se avete il miglior aspirapolvere con sacco, prima di svuotarlo, non attendete che sia completamente pieno. Anche se avete la spia che indica sacchetto pieno, dovreste controllarlo periodicamente e svuotarlo quando è già a tre/quarti, per non perdere potenza di aspirazione. Stessa cosa vale per una aspirapolvere più silenzioso senza sacchetto.
  2. aspirapolvere 2000 wattSe il filtro è intasato, gli allergeni non vengono rimossi in modo efficace. Non è necessario cambiare il filtro ogni volta che si sostituisce il sacchetto, ma se mostra segni di usura o se è molto sporco o strappato, allora significa che è arrivato il momento di sostituirlo. Si consiglia di cambiare i filtri HEPA ogni sei mesi. Controlla il manuale dell’apparecchio o il sito web del tuo marchio per i consigli più adatti al tuo modello.
  3. Altro errore comune, è quello di aspirare senza utilizzare gli accessori giusti. Gli ugelli accessori, vengono forniti per una pulizia del pavimento migliore e raccolgono polvere e allergeni da aree che altrimenti potrebbero essere trascurate come tappezzeria, lampadari, battiscopa e paralumi.
  4. Avvolgimento del cavo automatico, senza tenerlo. I migliori aspirapolvere dispongono di un pulsante per ritrarre automaticamente il cavo, ma se non lo si guida con la mano, potrebbe uscire fuori dalla guida e farci perdere più tempo di un cavo che si avvolge manualmente.
  5. Anche il migliori aspirapolvere soffre sui tappeti quando si aspirano molti fili e capelli. Se restano impigliati nella spazzola, si consiglia di tagliarli, evitando che questi impediscano al rullo di girare in modo efficace. È un lavoro sporco, ma qualcuno lo dovrà pur fare!

Come prendersi cura del proprio aspirapolvere

La manutenzione generale dell’aspirapolvere è facile e sicura, ma quando si tratta di riparazioni di parti importanti, è sempre meglio chiedere a un professionista o semplicemente sostituire l’aspirapolvere – il tentativo di riparare la macchina da soli potrebbe essere pericoloso!

Step chiave:

  • Cambia il sacchetto dell’aspirapolvere o svuotare il contenitore per la raccolta dello sporco
  • Assicurarsi che la spazzola per il pavimento non sia ostruita da detriti, capelli o peli degli animali domestici
  • Sostituire o pulire il filtro dell’aspirapolvere

Quando si utilizza un’aspirapolvere più potente, bisogna attenersi alle linee guida per la manutenzione fornite nel libretto delle istruzioni, altrimenti potrebbe essere necessario ricorrere a riparazioni lunghe in seguito.

Ad esempio, bisogna trattare il cavo dell’alimentazione con cura. Evitare di estrarre la spina con il cavo o utilizzare il riavvolgimento automatico quando il cavo è ingarbugliato o ostruito.

Controlla i sacchetti regolarmente. Ricorda, un sacchetto non dovrebbe essere pieno fino all’orlo prima che venga sostituito, poiché gli aspirapolvere possono perdere potenza di aspirazione quando i sacchetti sono pieni per più della metà. Non riutilizzare mai i sacchetti di carta, poiché i loro pori si bloccano dopo l’uso, il che può causare il surriscaldamento del motore e il conseguente guasto.

Raccogli gli oggetti più grandi come calze o monete che potrebbero accidentalmente scivolare nel tubo. A volte i tubi possono bloccarsi a causa degli oggetti più grandi, quindi se il tuo aspirapolvere non funziona come dovrebbe, prova a testare il tubo spingendo al suo interno qualcosa di lungo e sottile, come un manico di scopa.

Prendersi cura dei vari componenti

Controlla che la spazzola per il pavimento non sia bloccata. Una delle aree chiave su cui concentrarsi nella manutenzione dell’aspirapolvere è la spazzola per il pavimento, a volte chiamata anche battitore per tappeti. Questo è il pezzo principale che si trova alla base del tubo ed entra in contatto con il pavimento. Capovolgendo la spazzola sottosopra e guardando sotto di essa, è facile capire se sia intasata dai detriti e ha bisogno di essere pulita.

Apri la spazzola per il pavimento. Per fare ciò, rimuovi la piastra inferiore dalla spazzola. Potrebbe sganciarsi facilmente o potrebbe essere necessario procurarsi un cacciavite, ricordandosi di tenere da parte le viti che si estraggono! Estrai con cautela il rullo della spazzola a un’estremità, annotando la direzione in cui deve essere inserito dopo la pulizia. Rimuovi i detriti. Estrai eventuale lanugine, fili o capelli che potrebbero essere avvolti attorno al rullo. Potrebbe essere necessario un piccolo paio di forbici per tutti i grovigli che si sono creati.

Controlla che il rullo giri correttamente. In caso contrario, svitare i cappucci terminali e controllare i cuscinetti all’interno per eventuali depositi di sporco. Questa semplice procedura può far risparmiare un sacco di soldi sulle riparazioni successive di un aspirapolvere, ma è necessario sostituire il rullo della spazzola periodicamente, a seconda dell’utilizzo.

Controlla la cinghia dell’aspirapolvere. Questa si trova sopra il rullo della spazzola. Puoi controllare la cinghia mentre la parte inferiore viene rimossa, inserendo un dito sotto la cinghia e verificando se è ancora tesa. Eventuali segni di cedimento, crepe o usura visibile, possono significare che è necessaria una sostituzione. È buona idea comprare una nuova cinghia una volta all’anno, sempre a seconda di quanto usi il tuo aspirapolvere.

 

1. Karcher WD 6 P Premium Revisione

L’aspirapolvere multiuso Karcher WD 6 P Premium colpisce per le sue prestazioni in termini di aspirazione estremamente elevate grazie ad un potente motore da ben 2000 watt, ma nonostante una potenza così elevata, questo apparecchio può vantare un consumo energetico effettivo di soli 1300 watt, un bel risparmio per la vostra già salata bolletta della luce! L’aspirapolvere è dotato dell’innovativa tecnologia di rimozione del filtro, con lo stesso che si troba all’interno di una cartuccia rimovibile nella testa del dispositivo. Piegando questa cartuccia, il filtro può essere rimosso in pochi secondi senza alcun contatto con lo sporco.

i migliori aspirapolvereFacile da usare

È possibile aspirare sporco secco o bagnato senza dover cambiare il filtro, come avviene con altri modelli di aspirapolvere secco/umido. Grazie alla funzione di pulizia del filtro integrata, il filtro sporco può essere pulito in modo efficiente premendo il pulsante di pulizia, e così ripristinando rapidamente le prestazioni di aspirazione dell’apparecchio. Il manico integra il comodo pulsante di accensione e spegnimento automatico, consente di lavorare con tutti gli elettro utensili collegati. La sporcizia risultante da lavori di piallatura, segatura o rettifica, viene aspirata in modo diretto, rapido ed efficiente.

Prestazioni eccellenti

Le prestazioni di aspirazione possono essere adattate a tutte le esigenze, sia per le operazioni di aspirazione standard che per l’uso con utensili elettrici. Altri punti importanti che ci preme ricordare di questo apparecchio: dispone di un contenitore dalla capienza di ben 30 litri realizzato in solido acciaio inossidabile, gli accessori sono di nuova concezione per offrire all’utente i migliori risultati di pulizia, l’impugnatura rimovibile dispone anche di protezione contro la corrente statica, la vite di scarico è adatta a grandi volumi d’acqua, ha la posizione di parcheggio e molto altro ancora!

Vantaggi

  • Potente aspirazione
  • Classe energetica elevata
  • Costruzione con materiali solidi

Svantaggi

  • Prezzo leggermente superiore alla media
 

2. Rowenta RO8366EA Revisione

Questo nuovo aspirapolvere della Rowenta mi ricorda molto il Silent Force Extreme, però con un colore decisamente più elegante e con più accessori nella confezione. Per quanto riguarda il design, tutto sempre al posto giusto. L’assemblaggio come al solito è impeccabile e il materiale, principalmente plastica, sembra di buona qualità. Possiamo dargli anche qualche calcio senza doverci preoccupare troppo! Di positivo ha anche il peso, solo 5 kg! Un bel passo in avanti se pensiamo che il fratello maggiore pesa più del doppio! Il contenitore per la polvere ha una capacità di 2 litri.

aspirapolvere 2000 wattOttimo raggio d’azione

Chi usa un aspirapolvere con filo, odia dover staccare la presa continuamente perché si è arrivati al limite del raggio d’azione. Non dico che potrete andare in tutta casa con questa Rowenta RO8366EA, ma con 11 metri di raggio d’azione, potete sicuramente staccare la presa meno volte. In termini di manovrabilità, Rowenta non delude mai. L’aspirapolvere scorre perfettamente su qualsiasi tipo di superficie, anche grazie alle grandi ruote gommate. Non è pesante e il manico è anche ergonomico per non affaticarci.

Grande quantità di accessori

Nella confezione troviamo davvero una grande quantità di spazzole e accessori, per pulire ogni punto della casa. C’è la spazzola che scorre sui pavimenti perfettamente, anche grazie alle sue ruote indipendenti. La spazzola per i parquet e la turbo spazzola, perfetta per i tappeti o per aspirare tutti i peli dei vostri animali domestici. Le prestazioni sono eccellenti, consuma poco e non rigetta la polvere nell’aria. Riesce a trattenere il 99,98% delle particelle fini! Si tratta anche di un aspirapolvere più silenzioso del solito, grazie ad un livello di rumore di appena 68dB. Il filtro è molto facile da rimuovere per la manutenzione e per svuotare il contenitore, basta premere un pulsante.

Vantaggi

  • Potente e silenzioso
  • Consuma poco
  • Ottimo filtro

Svantaggi

  • Il prezzo non è economico
 

3. Dyson DC33C Revisione

L’aspirapolvere Dyson DC33 è uno dei prodotti di punta dell’azienda Dyson ed è ancora uno dei modelli più venduti al mondo. Se hai familiarità con il marchio, probabilmente sai che sono noti per la loro potenza, per il fatto che non perdano potenza di aspirazione mentre il contenitore si riempie di sporco, polvere e capelli, e che sono un po’ più costosi della concorrenza. Se sei un cliente esperto, non t’importa pagare un extra in più per la qualità e un prodotto che funziona molto meglio dei modelli a prezzo inferiore, quindi vediamo come si comporta questo qui.

migliori aspirapolverePanoramica generale

Prima che arrivasse Dyson, eri piuttosto limitato nelle tue scelte. Potevi acquistare un aspirapolvere in offerta nei supermercati o nei grandi magazzini, che in genere costano meno di 100€, o potevi acquistare un aspirapolvere premium a una quota dieci volte maggiore da un venditore porta a porta. Non c’era nulla di intermedio che potesse far uscire tutto il sudiciume dai tuoi tappeti, ma non ti costava un braccio e una gamba. Poi è arrivato Dyson, ha promesso che si poteva pulire tutta la casa senza perdere potenza di aspirazione, e ha fatto tutto senza usare i sacchetti.

Come si comporta

Il Dyson DC33 è un aspirapolvere verticale standard, ma è caratterizzato da una potenza senza pari. A parte questo, dispone anche di un ottimo sistema di filtraggio HEPA lavabile, quindi non dovrai preoccuparti più di acquistarli. Dispone anche della tecnologia brevettata ciclonica, che è il motivo per cui non perde l’aspirazione e mantiene la sua potenza. Il Dyson DC33 non ha la sfera che è presente negli ultimi modelli, quindi potresti avere qualche problema a girare intorno agli angoli e farti strada attraverso nella tua casa, ma se hai familiarità con questo tipo di apparecchio, sarà probabilmente più facile da gestire rispetto ad altri modelli che potresti aver usato.

Vantaggi

  • Potenza senza pari
  • Non perde l’aspirazione
  • Filtro lavabile
Svantaggi
  • Prezzo molto alto
 

4. Karcher WD 4 Premium Revisione

Sei interessato all’acquisto di un bidone aspiratutto, dal prezzo conveniente, ma che ti garantisca comunque ottime prestazioni? Allora il Karcher WD 4 Premium è quello che fa al caso tuo! Sebbene in Italia non è così famoso come marchio, bisogna ricordare ai più che si tratta di uno dei marchi tedeschi più famosi del mondo. I suoi prodotti sono utilizzati ovunque, abitazioni e grandi aziende, per l’aspirazione di rifiuti secchi e liquidi. Inoltre, vengono utilizzati anche nelle officine per la pulizia delle auto. Il modello Karcher WD 4 Premium è un multifunzione dalle caratteristiche interessantissime.

miglior aspirapolvere con saccoCaratteristiche tecniche

Innanzitutto, bisogna dire che ci troviamo di fronte ad un apparecchio che ha un prezzo davvero abbordabile. Il suo motore ha una potenza di 1000 watt, ma attenzione, non lasciatevi ingannare, perché questo apparecchio aspira come un aspirapolvere più potente, almeno da 1600 watt! Uno dei vantaggi offerti da questo apparecchio, è il posizionamento del suo filtro. Esso si trova in un piccolo contenitore esterno e nel momento in cui bisogna estrarlo per pulirlo (periodicamente), lo si fa in pochi secondi.

Ottima la capienza

Come ormai dovreste sapere, con questo aspirapolvere multifunzione, si possono aspirare rifiuti secchi e liquidi. Per questo, è molto importante avere un raccoglitore per lo sporco capiente. Quello del Karcher WD 4 Premium ha una capienza di ben 20 litri. Significa che ci vorrà un po’ prima di svuotarlo. Inoltre, è realizzato in acciaio inossidabile e potrete utilizzarlo per tanto tempo. Le dimensioni non sono molto compatte, ma non ci si poteva aspettare di più da un bidone aspiratutto di questa capienza. Il peso è di circa 7 kg, nemmeno tanto tutto sommato e il cavo della corrente ha una lunghezza di 5 metri.

Vantaggi

  • Adatto per le grandi superfici
  • Raccoglie umido e secco
  • Ottimi materiali di costruzione

Svantaggi

  • Un po’ ingombrante
 

5. Karcher WD 3 Premium Revisione

Se hai bisogno di un aspirapolvere elettrico in grado di aspirare un po’ di tutto e da utilizzare non solo in casa, ma anche in garage e in cantina, allora questo Karcher WD 3 Premium, dal prezzo molto interessante, è ciò che fa per te! La potenza di aspirazione di questo piccolo bidone aspiratutto è di 200 Air Watt, davvero niente male, nonostante le sue dimensioni. In pratica, sarete in grado di aspirare un po’ di tutto, solido o liquido. Facendo un confronto, in termini di consumi lo potremmo paragonare ad un aspirapolvere da 1000 watt.

aspirapolvere per tappetiNon molto ingombrante

Si sa, un bidone aspiratutto occupa comunque più spazio di una scopa elettrica, ma questo è dovuto principalmente alla presenza del bidone, appunto. Le dimensioni di questo apparecchio sono 34 x 39 x 52,5 cm, mentre il suo peso è di appena 6 kg. Si tratta di un apparecchio facile e comodo da utilizzare. La sua impugnatura è di tipo ergonomico, il che lo rende molto maneggevole. Le sue ruote piroettanti, ci permettono di andare in giro senza molti problemi e aggirando facilmente qualsiasi tipo di ostacolo.

Un po’ rumoroso

Attenzione, non è rumoroso in modo insopportabile, ma i 75 dB di rumore si fanno certamente sentire quando è acceso e soprattutto se pulite ambienti piccoli. Insomma, se vostro marito sta guardando la TV e gli volete spazzare davanti, non ve lo consigliamo! Oltre alla funzione di aspirazione, ha anche quella di soffiaggio, eccellente per chi possiede un giardino e si vuole sbarazzare delle foglie morte in autunno. Ottima infine, la possibilità di riporre tutto, accessori compresi, in un vano porta-tutto, per tenere sempre lo strumento in perfetto ordine.

Vantaggi

  • Non è ingombrante
  • Buona la capienza
  • Ottima potenza

Svantaggi

  • Leggermente rumoroso